22/06/2019

Confagricoltura Cuneo lancia la sfida di un Psr del Nord ai nuovi vertici della Regione e chiede la convocazione degli Stati Generali dell’agricoltura piemontese

Le proposte e le richieste emerse durante l’assemblea annuale dei soci che si è svolta a Caramagna

L’intervento del presidente Enrico Allasia, al tavolo con Luca Brondelli di Brondello, Gianluca Demaria e Roberto Abellonio

“Mai come in questo momento, forse, ci sono tutte le condizioni politiche favorevoli per immaginare un Psr del Nord Italia. Confidiamo che ci sia la possibilità di portare avanti questo discorso, attraverso un lavoro di squadra che veda coinvolti tutti gli attori della nostra agricoltura regionale. Noi siamo disponibili al confronto”. È il messaggio che Enrico Allasia, presidente di Confagricoltura Cuneo ha rivolto ai neoeletti amministratori regionali durante l’assemblea annuale dei soci, che si è svolta venerdì 21 giugno a Caramagna Piemonte. Un appuntamento annuale sempre molto partecipato che quest’anno ha visto la presenza importante del governatore Alberto Cirio (a cui è stato consegnato il premio “Orgoglio agricolo”), dell’assessore all’Agricoltura Marco Protopapa e dell’assessore alla Sanità Luigi Icardi, alle loro prime uscite istituzionali dopo la proclamazione della nuova Giunta regionale. Ad assistere al confronto centinaia di agricoltori giunti da tutta la provincia, ma anche esponenti delle istituzioni e del mondo economico provinciale.

“L’efficienza e la qualità della nostra agricoltura vanno pagate – ha sottolineato Alberto Cirio –. L’industria deve riconoscere il giusto prezzo per il lavoro svolto dall’agricoltura, che dal canto suo, però, deve continuare a investire in qualità e migliorare nella promozione. Possiamo avere i prodotti migliori del mondo ma vanno fatti conoscere. Noi ci impegneremo per avere più fondi dall’Europa e per alleggerire la burocrazia della macchina regionale con bandi più snelli e veloci, dopo esserci confrontati con voi”. “È la prima assemblea a cui partecipo in veste istituzionale e sono orgoglioso di essere qui – ha dichiarato Marco Protopapa all’assemblea –. Il mio impegno parte proprio dal conoscere una realtà molto importante come la vostra. Mi piace la sintesi e la sostanza per cui non voglio perdere tempo e iniziare da subito a concretizzare la semplificazione di cui il settore ha bisogno. Non possiamo permetterci di rallentare, se intendiamo aiutare la competitività delle grandi e delle piccole aziende. Tra le prime misure ci sarà l’approvazione del calendario venatorio”. “Conosco bene i meccanismi dell’agricoltura e la sanità, delega che mi compete, si interseca con le dinamiche del settore primario nei temi della tutela degli alimenti e della sicurezza – ha aggiunto Luigi Icardi – Noi agiremo da squadra e abbiamo già deciso di istituire un tavolo congiunto con tutte gli attori della filiera agroalimentare per semplificare le norme e valorizzare le eccellenze di cui è ricco il nostro territorio”.

Le aziende agricole sono in calo ma hanno una capacità imprenditoriale più elevata rispetto al passato. In provincia di Cuneo il settore vale il 4,7% del Pil (contro l’1,6 regionale) e nell’ultimo anno ha fatto registrare assunzioni in aumento del 12,7%. “Purtroppo però ci sono criticità nelle filiere, come nella frutta – ha rimarcato Allasia –: competiamo con Paesi che hanno regole e costi di produzione diversi, va rivisto l’equilibrio lungo tutta la filiera, invitando a consumare prodotti del territorio. Crisi come quelle dei seminativi, poi, vanno affrontate facendo rientrare il prodotto locale all’interno delle nostre filiere di eccellenza, dando valore aggiunto ai prodotti. Alla Regione chiediamo maggiore attenzione ai giovani nella prossima programmazione del Psr e di ripristinare il tavolo del Moscato”.

Dopo gli interventi degli onorevoli Giorgio Bergesio e Mino Taricco e di Luca Brondelli di Brondello, presidente di Confagricoltura Alessandria e membro di Giunta nazionale di Confagricoltura, che ha annunciato l’imminente richiesta alla Regione della convocazione degli Stati Generali dell’agricoltura piemontese, il direttore provinciale di Confagricoltura Cuneo, Roberto Abellonio, ha concluso rimarcando la crescita dell’organizzazione negli ultimi 12 mesi: “Abbiamo approvato un bilancio solido che ci permette di proseguire con il nostro piano di sviluppo sul territorio, investendo sul personale e sulla formazione e potenziando le sedi e i sevizi alle aziende. Oggi la nostra associazione conta 4mila associati, con aziende capaci di generare oltre 300mila giornate lavorative. È da loro che giungono gli stimoli a fare sempre meglio”. L’assemblea si è conclusa con la tradizionale consegna delle onorificenze “Aratro d’oro”, che ha preceduto la cena sociale e un momento danzante.

Clicca qui per scaricare il comunicato e le foto

L’intervento del neo governatore del Piemonte, Alberto Cirio

In prima fila, da sinistra: l’assessore regionale all’Agricoltura, Marco Protopapa, l’onorevole Mino Taricco, il presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, il senatore Giorgio Bergesio, l’industriale Franco Biraghi e l’assessore regionale alla Sanità, Luigi Icardi

Il pubblico presente all’assemblea annuale di Confagricoltura Cuneo

Archivio comunicati stampa

Archivio immagini di Confagricoltura Cuneo