Written by Isiline

Carrù è il primo Comune del Nord-Ovest ad attivare la fibra del Piano BUL negli edifici comunali

Grazie al gioco di squadra Isiline ha portato l’accesso a Internet alla velocità di 1 Gigabit/secondo

L’assessore Christian Sciolla (a sinistra) e il sindaco di Carrù Nicola Schellino mostrano simbolicamente la schermata con la fibra accesa da Isiline

Da oggi – venerdì 4 dicembre, ndr – tutti gli edifici comunali di Carrù sono stati collegati alla fibra ottica da Isiline Srl. La società saluzzese è stata scelta dal Comune di Carrù per “illuminare” la fibra ottica “di Stato” posata con il Piano BUL (Banda Ultra larga). Il Comune, quindi, può beneficiare del cosiddetto servizio attivo, ossia potrà accedere a tutti i servizi in rete della Pubblica Amministrazione e soprattutto si vedrà garantito l’accesso alla rete Internet aalla velocità di 1 Gigabit per secondo. Il Piano BUL del Governo prevede che la rete fisica in fibra ottica sia realizzata dalla società Openfiber, che la mette a disposizione degli operatori, secondo il cosiddetto modello Wholesale Only. In pratica lo Stato realizza l’infrastruttura fisica e posa la fibra “spenta”, che per essere utilizzata e portata a cittadini, imprese e Istituzioni deve essere “accesa” da un operatore, in questo caso Isiline Srl. La scelta di un partner locale per l’esercizio della fibra, ha consentito al Comune di Carrù di essere la prima amministrazione almeno delle tre regioni (Piemonte, Liguria e Valle D’Aosta) del Nord-Ovest d’Italia ad aver attivato i propri edifici collegandoli ai servizi della rete.

“Il piano di copertura BUL sta proseguendo – spiega l’amministratore delegato di Isiline Srl, Ivan Botta -, la nostra collaborazione con OpenFiber ci ha permesso di essere veloci ad ‘illuminare’ la fibra posata dallo Stato e a soddisfare le esigenze di un’amministrazione molto attenta al pratico sviluppo dell’innovazione come quella di Carrù”. 

“È una grande soddisfazione per Carrù essere il primo Comune del Nord-Ovest (Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta ad aver attivato la fibra ottica da 1Gb/secondo ai suoi otto edifici pubblici, tra cui le scuole – commenta l’assessore comunale con delega a istruzione, bandi, innovazione e sistemi informativi, Christian Sciolla -. Questo importante traguardo è stato possibile grazie alla creazione di una task force che ha visto protagonisti il Comune di Carrù, Isiline Srl e OpenFiber. Le ricadute di questo importante obbiettivo produrranno benefici a tutti i fruitori della Pubblica amministrazione, ma soprattutto migliorerà la qualità della didattica dei nostri ragazzi, a cui tengo particolarmente”. 

“Sono orgoglioso del fatto che Carrù possa vantarsi di essere il primo Comune ad aver attivato la fibra del Piano BUL negli edifici comunali – aggiunge il sindaco di Carrù, Nicola Schellino -. Si tratta di un importante primato, frutto della proficua collaborazione tra le realtà coinvolte in questo progetto e del grande impegno e costanza che l’assessore Sciolla ha dedicato a questo intervento: il risultato ottenuto è certamente merito suo”. 

Archivio immagini di Isiline

Written by Isiline

Carrù è il primo Comune del Nord-Ovest ad attivare la fibra del Piano BUL negli edifici comunali

Grazie al gioco di squadra Isiline ha portato l’accesso a Internet alla velocità di 1 Gigabit/secondo

L’assessore Christian Sciolla (a sinistra) e il sindaco di Carrù Nicola Schellino mostrano simbolicamente la schermata con la fibra accesa da Isiline

Da oggi – venerdì 4 dicembre, ndr – tutti gli edifici comunali di Carrù sono stati collegati alla fibra ottica da Isiline Srl. La società saluzzese è stata scelta dal Comune di Carrù per “illuminare” la fibra ottica “di Stato” posata con il Piano BUL (Banda Ultra larga). Il Comune, quindi, può beneficiare del cosiddetto servizio attivo, ossia potrà accedere a tutti i servizi in rete della Pubblica Amministrazione e soprattutto si vedrà garantito l’accesso alla rete Internet aalla velocità di 1 Gigabit per secondo. Il Piano BUL del Governo prevede che la rete fisica in fibra ottica sia realizzata dalla società Openfiber, che la mette a disposizione degli operatori, secondo il cosiddetto modello Wholesale Only. In pratica lo Stato realizza l’infrastruttura fisica e posa la fibra “spenta”, che per essere utilizzata e portata a cittadini, imprese e Istituzioni deve essere “accesa” da un operatore, in questo caso Isiline Srl. La scelta di un partner locale per l’esercizio della fibra, ha consentito al Comune di Carrù di essere la prima amministrazione almeno delle tre regioni (Piemonte, Liguria e Valle D’Aosta) del Nord-Ovest d’Italia ad aver attivato i propri edifici collegandoli ai servizi della rete.

“Il piano di copertura BUL sta proseguendo – spiega l’amministratore delegato di Isiline Srl, Ivan Botta -, la nostra collaborazione con OpenFiber ci ha permesso di essere veloci ad ‘illuminare’ la fibra posata dallo Stato e a soddisfare le esigenze di un’amministrazione molto attenta al pratico sviluppo dell’innovazione come quella di Carrù”. 

“È una grande soddisfazione per Carrù essere il primo Comune del Nord-Ovest (Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta ad aver attivato la fibra ottica da 1Gb/secondo ai suoi otto edifici pubblici, tra cui le scuole – commenta l’assessore comunale con delega a istruzione, bandi, innovazione e sistemi informativi, Christian Sciolla -. Questo importante traguardo è stato possibile grazie alla creazione di una task force che ha visto protagonisti il Comune di Carrù, Isiline Srl e OpenFiber. Le ricadute di questo importante obbiettivo produrranno benefici a tutti i fruitori della Pubblica amministrazione, ma soprattutto migliorerà la qualità della didattica dei nostri ragazzi, a cui tengo particolarmente”. 

“Sono orgoglioso del fatto che Carrù possa vantarsi di essere il primo Comune ad aver attivato la fibra del Piano BUL negli edifici comunali – aggiunge il sindaco di Carrù, Nicola Schellino -. Si tratta di un importante primato, frutto della proficua collaborazione tra le realtà coinvolte in questo progetto e del grande impegno e costanza che l’assessore Sciolla ha dedicato a questo intervento: il risultato ottenuto è certamente merito suo”. 

Archivio immagini di Isiline