Written by Cespec

Il Cespec presenta il libro “Il populismo gesuita. Peròn, Fidel, Bergoglio”

Martedì 23 marzo, dalle ore 18, in streaming sulla pagina Facebook @cespecufficiale

Un primo piano del il libro “Il populismo gesuita. Peròn, Fidel, Bergoglio” di Loris Zanatta

Martedì 23 marzo, dalle ore 18, in streaming sulla propria pagina Facebook (@cespecufficiale), il Cespec (Centro Studi sul Pensiero Contemporaneo di Cuneo) organizza un incontro online per la presentazione del libro “Il populismo gesuita. Peròn, Fidel, Bergoglio”. All’incontro sarà presente l’autore prof. Loris Zanatta (Università di Bologna). Discuteranno con lui dei contenuti del libro Sergio Carletto (Cespec) e Mauro Mantelli (Cespec). L’evento fa parte del ciclo di attività legate al workshop Cespec “Nuovi fondamentalismi. Tra religione e politica nell’età del panico globale” svoltosi a fine febbraio. Per partecipare all’incontro on line è necessario iscriversi al link https://forms.gle/Njxc2gj4iQeoMLuUA entro le 18 di domenica 21 marzo. L’appuntamento si svolge con il contributo della Fondazione Crc e il patrocinio della Città di Cuneo. Tutti i precedenti incontri legati al workshop possono essere rivisti ed ascoltati liberamente sulla pagina facebook del Cespec. Per maggiori informazioni scrivere a centrostudi.cespec@gmail.com o telefonare al numero 328/8834779.

“La presentazione del volume di Loris Zanatta conclude il cammino del workshop Cespec con uno spazio di riflessione dedicato al nesso tra populismo e fondamentalismo nel contesto latinoamericano – dichiara Sergio Carletto, vicepresidente del Cespec -. Lo storico bolognese è uno tra i maggiori esperti in Italia della storia argentina dell’ultimo secolo e del peronismo come esempio paradigmatico del tentativo di riproporre in una forma secolarizzata, al di là dello stesso discrimine tra destra e sinistra il mito della ‘nazione cattolica’. Al riemergere di opposti populismi nella forma del rimpianto di un’unanimità perduta, Zanatta oppone il rafforzamento della democrazia liberale, del rule of law e della separazione dei poteri in chiave riformista. Si tratta di un libro con tratti provocatori, di un pamphlet dalla scrittura efficace, meritevole di divenire oggetto di discussione aperta e franca”.

Archivio immagini di Cespec

Written by Cespec

Il Cespec presenta il libro “Il populismo gesuita. Peròn, Fidel, Bergoglio”

Martedì 23 marzo, dalle ore 18, in streaming sulla pagina Facebook @cespecufficiale

Un primo piano del il libro “Il populismo gesuita. Peròn, Fidel, Bergoglio” di Loris Zanatta

Martedì 23 marzo, dalle ore 18, in streaming sulla propria pagina Facebook (@cespecufficiale), il Cespec (Centro Studi sul Pensiero Contemporaneo di Cuneo) organizza un incontro online per la presentazione del libro “Il populismo gesuita. Peròn, Fidel, Bergoglio”. All’incontro sarà presente l’autore prof. Loris Zanatta (Università di Bologna). Discuteranno con lui dei contenuti del libro Sergio Carletto (Cespec) e Mauro Mantelli (Cespec). L’evento fa parte del ciclo di attività legate al workshop Cespec “Nuovi fondamentalismi. Tra religione e politica nell’età del panico globale” svoltosi a fine febbraio. Per partecipare all’incontro on line è necessario iscriversi al link https://forms.gle/Njxc2gj4iQeoMLuUA entro le 18 di domenica 21 marzo. L’appuntamento si svolge con il contributo della Fondazione Crc e il patrocinio della Città di Cuneo. Tutti i precedenti incontri legati al workshop possono essere rivisti ed ascoltati liberamente sulla pagina facebook del Cespec. Per maggiori informazioni scrivere a centrostudi.cespec@gmail.com o telefonare al numero 328/8834779.

“La presentazione del volume di Loris Zanatta conclude il cammino del workshop Cespec con uno spazio di riflessione dedicato al nesso tra populismo e fondamentalismo nel contesto latinoamericano – dichiara Sergio Carletto, vicepresidente del Cespec -. Lo storico bolognese è uno tra i maggiori esperti in Italia della storia argentina dell’ultimo secolo e del peronismo come esempio paradigmatico del tentativo di riproporre in una forma secolarizzata, al di là dello stesso discrimine tra destra e sinistra il mito della ‘nazione cattolica’. Al riemergere di opposti populismi nella forma del rimpianto di un’unanimità perduta, Zanatta oppone il rafforzamento della democrazia liberale, del rule of law e della separazione dei poteri in chiave riformista. Si tratta di un libro con tratti provocatori, di un pamphlet dalla scrittura efficace, meritevole di divenire oggetto di discussione aperta e franca”.

Archivio immagini di Cespec