Written by Cespec

La Summer School chiude a Cuneo con una lezione dialogata in francese per gli studenti

Ultimo giorno di lavori per la Summer School del Cespec (Centro studi sul pensiero contemporaneo) dal titolo dal titolo “Sguardi connessi. Vedere, immaginare, agire nello spazio digitale”. Oggi – sabato 14 settembre, ndr – a Cuneo, al liceo scientifico e classico statale “G.Peano – S.Pellico” (corso Giolitti, 11), dalle 9 si svolgerà una lezione dialogata in francese su alcuni temi legati alle immagini digitali. La lezione sarà tenuta dal prof. Mauro Carbone (Universitè de Lyon 3 Jean Moulin). Per informazioni: www.cespec.it oppure a centrostudi.cespec@gmail.com.
Gli incontri con le scuole superiori del territorio sono organizzati in collaborazione con l’Istituto di Istruzione Superiore Statale “G. Cigna” di Mondovì e con il Liceo statale “G. Peano – S. Pellico” di Cuneo. All’appuntamento cuneese ne seguiranno altri nel prossimo autunno, sempre sul tema dell’edizione di quest’anno.
Ieri, intanto, il Salone d’Onore del Municipio di Cuneo è stato teatro di un interessante incontro pubblico sul tema “Nuovi media e cultura di massa”. Tra videogiochi e serie tv, la serata ha analizzato come la filosofia sia presente nei nuovi media e nella vita quotidiana. Moderati da Mauro Mantelli,  presidente del Cespec, sono intervenuti Antonio Lucci (Forschungsinstitut für Philosophie, Hannover) che ha mostrato come i videogiochi aiutino a riflettere su questioni morali e ad affrontare scelte etiche e Tommaso Ariemma (scrittore e filosofo) che ha invece discusso di come le serie tv aiutino a capire i più importanti temi filosofici affrontanti nel corso della storia del pensiero e possano essere soprattutto un utile strumento didattico per la scuola e gli adolescenti.
Scarica il cs in word e le foto

Il pubblico accorso al Salone d’Onore del Municipio di Cuneo

Antonio Lucci (Forschungsinstitut für Philosophie, Hannover), Mauro Mantelli (presidente Cespec) e Tommaso Ariemma (scrittore e filosofo)

Archivio immagini di Cespec

Written by Cespec

La Summer School chiude a Cuneo con una lezione dialogata in francese per gli studenti

Ultimo giorno di lavori per la Summer School del Cespec (Centro studi sul pensiero contemporaneo) dal titolo dal titolo “Sguardi connessi. Vedere, immaginare, agire nello spazio digitale”. Oggi – sabato 14 settembre, ndr – a Cuneo, al liceo scientifico e classico statale “G.Peano – S.Pellico” (corso Giolitti, 11), dalle 9 si svolgerà una lezione dialogata in francese su alcuni temi legati alle immagini digitali. La lezione sarà tenuta dal prof. Mauro Carbone (Universitè de Lyon 3 Jean Moulin). Per informazioni: www.cespec.it oppure a centrostudi.cespec@gmail.com.
Gli incontri con le scuole superiori del territorio sono organizzati in collaborazione con l’Istituto di Istruzione Superiore Statale “G. Cigna” di Mondovì e con il Liceo statale “G. Peano – S. Pellico” di Cuneo. All’appuntamento cuneese ne seguiranno altri nel prossimo autunno, sempre sul tema dell’edizione di quest’anno.
Ieri, intanto, il Salone d’Onore del Municipio di Cuneo è stato teatro di un interessante incontro pubblico sul tema “Nuovi media e cultura di massa”. Tra videogiochi e serie tv, la serata ha analizzato come la filosofia sia presente nei nuovi media e nella vita quotidiana. Moderati da Mauro Mantelli,  presidente del Cespec, sono intervenuti Antonio Lucci (Forschungsinstitut für Philosophie, Hannover) che ha mostrato come i videogiochi aiutino a riflettere su questioni morali e ad affrontare scelte etiche e Tommaso Ariemma (scrittore e filosofo) che ha invece discusso di come le serie tv aiutino a capire i più importanti temi filosofici affrontanti nel corso della storia del pensiero e possano essere soprattutto un utile strumento didattico per la scuola e gli adolescenti.
Scarica il cs in word e le foto

Il pubblico accorso al Salone d’Onore del Municipio di Cuneo

Antonio Lucci (Forschungsinstitut für Philosophie, Hannover), Mauro Mantelli (presidente Cespec) e Tommaso Ariemma (scrittore e filosofo)

Archivio immagini di Cespec