Written by Confagricoltura Cuneo

Noccioleti cuneesi rovinati dalla presenza incontrollata di ghiri, caprioli e cinghiali

NOCCIOLO_Gusci vuoti

Danni da ghiri sulle nocciole

 
Buche nel terreno, asportazioni e rotture dei rami, decorticazione di giovani germogli e piante, fino alla ‘razzia’ vera e propria della parte più attesa dagli imprenditori agricoli: i frutti. Sono questi i principali danni che ghiri, caprioli e cinghiali stanno provocando in queste settimane nei noccioleti della provincia di Cuneo. Un fenomeno non certo nuovo, ma sempre più allarmante che Confagricoltura torna a denunciare con forza, considerati i pesanti danni che provoca sui raccolti.
“Gli agricoltori non ne possono più – dice Roberto Abellonio, direttore di Confagricoltura Cuneo -. Sono anni che denunciamo danni da fauna selvatica, ma questa situazione di forte disagio non ha portato a nessuna misura concreta. È arrivato il momento che enti e istituzioni si assumano delle responsabilità, con dati alla mano evidenti e prendano provvedimenti per tutelare chi con fatica e caparbietà lavora per garantire un reddito alla propria famiglia e se lo vede compromesso nel giro di qualche notte. Se nell’immaginario collettivo un capriolo o un piccolo di cinghiale può suscitare tenerezza, per coloro che vivono di agricoltura il loro proliferare incontrastato rappresenta invece un danno immane alle colture – continua il Abellonio -. Ciò che preoccupa, infatti, è il numero di esemplari di fauna selvatica ormai completamente fuori controllo e in continuo aumento. Se questa situazione non cambierà, pur non condividendolo, saranno sempre più numerosi i casi di chi, esasperato dai continui danni, si organizzerà per tutelarsi in maniera autonoma. Il tergiversare senza prendere decisioni su argomenti di tale importanza per l’economia agricola, e non solo, amplifica ancora di più il peso dei danni. Ecco perché sono necessarie soluzioni concrete e forti a sostegno del territorio, da ricercare con la collaborazione di tutti gli attori coinvolti”.
“I cinghiali, ad esempio, riescono ad aprire le nocciole con i denti e lasciano sul terreno solo cumuli di gusci vuoti – aggiunge Antonio Marino tecnico dell’associazione provinciale -; inoltre, dopo il loro passaggio, i produttori devono rispristinare il terreno scavato dalla loro furia, con notevole impiego di tempo e risorse. Purtroppo siamo arrivati al punto che le aziende, scoraggiate dai tempi della burocrazia e dalle esigue proposte di risarcimento, non denunciano neppure più i danni; ma non per questo non esistono, anzi sono in deciso aumento. Senza contare i costi tutt’altro che modici per sistemi di difesa che non riescono tuttavia ad alleviare le perdite di prodotto”.
 

Archivio immagini di Confagricoltura Cuneo

Written by Confagricoltura Cuneo

Noccioleti cuneesi rovinati dalla presenza incontrollata di ghiri, caprioli e cinghiali

NOCCIOLO_Gusci vuoti

Danni da ghiri sulle nocciole

 
Buche nel terreno, asportazioni e rotture dei rami, decorticazione di giovani germogli e piante, fino alla ‘razzia’ vera e propria della parte più attesa dagli imprenditori agricoli: i frutti. Sono questi i principali danni che ghiri, caprioli e cinghiali stanno provocando in queste settimane nei noccioleti della provincia di Cuneo. Un fenomeno non certo nuovo, ma sempre più allarmante che Confagricoltura torna a denunciare con forza, considerati i pesanti danni che provoca sui raccolti.
“Gli agricoltori non ne possono più – dice Roberto Abellonio, direttore di Confagricoltura Cuneo -. Sono anni che denunciamo danni da fauna selvatica, ma questa situazione di forte disagio non ha portato a nessuna misura concreta. È arrivato il momento che enti e istituzioni si assumano delle responsabilità, con dati alla mano evidenti e prendano provvedimenti per tutelare chi con fatica e caparbietà lavora per garantire un reddito alla propria famiglia e se lo vede compromesso nel giro di qualche notte. Se nell’immaginario collettivo un capriolo o un piccolo di cinghiale può suscitare tenerezza, per coloro che vivono di agricoltura il loro proliferare incontrastato rappresenta invece un danno immane alle colture – continua il Abellonio -. Ciò che preoccupa, infatti, è il numero di esemplari di fauna selvatica ormai completamente fuori controllo e in continuo aumento. Se questa situazione non cambierà, pur non condividendolo, saranno sempre più numerosi i casi di chi, esasperato dai continui danni, si organizzerà per tutelarsi in maniera autonoma. Il tergiversare senza prendere decisioni su argomenti di tale importanza per l’economia agricola, e non solo, amplifica ancora di più il peso dei danni. Ecco perché sono necessarie soluzioni concrete e forti a sostegno del territorio, da ricercare con la collaborazione di tutti gli attori coinvolti”.
“I cinghiali, ad esempio, riescono ad aprire le nocciole con i denti e lasciano sul terreno solo cumuli di gusci vuoti – aggiunge Antonio Marino tecnico dell’associazione provinciale -; inoltre, dopo il loro passaggio, i produttori devono rispristinare il terreno scavato dalla loro furia, con notevole impiego di tempo e risorse. Purtroppo siamo arrivati al punto che le aziende, scoraggiate dai tempi della burocrazia e dalle esigue proposte di risarcimento, non denunciano neppure più i danni; ma non per questo non esistono, anzi sono in deciso aumento. Senza contare i costi tutt’altro che modici per sistemi di difesa che non riescono tuttavia ad alleviare le perdite di prodotto”.
 

Archivio immagini di Confagricoltura Cuneo