Written by Banca di Caraglio

Raddoppia l’impegno della Banca di Caraglio a sostegno di commercianti e piccoli imprenditori

L’accordo siglato prevede lo stanziamento di 10 milioni di euro che
favoriranno la nascita, la crescita e l’innovazione di tante piccole e medie aziende

La stipula della convenzione tra il presidente di Confcommercio Imprese per l’Italia della provincia di Cuneo, Luca Chiapella, e il presidente della Banca di Caraglio, Livio Tomatis

Giovedì 16 gennaio presso la Cittadella della Banca di Caraglio, in piazza della Cooperazione, è stato firmato l’accordo tra l’istituto di credito cooperativo caragliese, la Confcommercio Imprese per l’Italia della provincia di Cuneo e la Ascomfidi Nord-Ovest in virtù del quale la Banca di Caraglio stanzierà un plafond di 10 milioni di euro che nel corso dell’anno 2020 verranno destinati ai soci commercianti della banca e dell’associazione di categoria al fine di favorire la nascita di nuove piccole e medie imprese e di sostenere e supportare le aziende esistenti nel loro percorso di crescita e consolidamento. Alla firma erano presenti il presidente della Banca di Caraglio, Livio Tomatis, e il presidente di Confcommercio Imprese per l’Italia della provincia di Cuneo, Luca Chiapella.

La convenzione prevede l’assegnazione di un plafond di 10 milioni di euro (il doppio rispetto ai 5 milioni dell’accordo precedente) da destinare nel 2020 alle aziende clienti o soci della Banca e del sistema Confcommercio della provincia di Cuneo o del Confidi finalizzato al rilascio di finanziamenti per inizio attività, acquisto attrezzature e arredi, acquisto impianti e macchinari, ristrutturazione locali, acquisto azienda o ramo d’azienda, assunzione e formazione di personale, acquisto scorte e sostegno alla liquidità. L’accordo prevede finanziamenti della durata massima di 7 anni a condizioni economiche agevolate con la garanzia della Confcommercio fino al 50% dell’importo finanziato.

“Quello dei commercianti e delle piccole/medie imprese è uno dei pilastri sui quali storicamente si basa l’attività del nostro istituto bancario – dichiara Livio Tomatis, Presidente della Banca di Caraglio–. Per questo motivo, non solo abbiamo convintamente deciso di proseguire nella nostra opera in loro sostegno, ma abbiamo anche provveduto ad aumentare ulteriormente il nostro impegno raddoppiando la cifra messa a disposizione dei piccoli imprenditori. Siamo dunque molto orgogliosi del fatto che, anche grazie al nostro contributo, molte aziende potranno nascere, crescere ed innovarsi”.

“L’accordo rinnova una collaborazione di lungo corso, ma ha in sé elementi nuovi e molto importanti – dichiara Luca Chiapella, Vice Presidente Ascomfidi Nord-Ovest e Presidente Confcommercio Imprese per l’Italia della provincia di Cuneo –. La conferma, ancora una volta, della nostra volontà di stringere alleanze con i più importanti e radicati Istituti di Credito piemontesi per venire incontro alle esigenze delle Micro, Piccole e Medie Imprese soprattutto in una fase di stagnazione economica e di difficoltà d’accesso al credito come quella che il nostro Paese e la nostra Regione stanno ancora attraversando. La Banca di Caraglio e Ascomfidi Nord-Ovest hanno aumentato la loro reciproca attività grazie alla sottoscrizione di questa nuova Convenzione a seguito dell’accordo quadro stipulato con Cassa Centrale Banca – l’istituto di categoria che raggruppa gran parte delle Banche di Credito Cooperativo del Nord Italia – che amplia l’efficacia delle garanzie prestate dai Consorzi Fidi in virtù della recente riforma del Fondo Centrale di Garanzia. In particolare per gli importi di finanziamento sino a 35.000 euro garantiti dai Confidi accreditati al Fondo Centrale di Garanzia sarà possibile richiedere una garanzia sino all’80% dell’ammontare richiesto contribuendo così ad erogare più facilmente credito alle Imprese di dimensione più piccole. Ascomfidi Nord-Ovest è un Confidi vigilato ed è cresciuto molto grazie anche alle recenti fusioni (il Confidi ha assorbito di recente Ascomfidi Langhe e Roero e Ascomfidi Vercelli) ed opera ormai su tutto il territorio piemontese, in parte della Lombardia e della Liguria ma ha sempre come obiettivo ben chiaro il servizio e il sostegno alle micro, piccole e medie imprese del territorio con le quali opera assistendole anche con i servizi che ne facilitano l’accesso al credito. Siamo confidenti – conclude Chiapella – che quest’ulteriore accordo consentirà alle Imprese socie di beneficiare della nostra attenzione alle loro necessità grazie alla valenza della nostra garanzia e delle competenze che mettiamo in campo a loro disposizione”.

Archivio immagini di Banca di Caraglio

Written by Banca di Caraglio

Raddoppia l’impegno della Banca di Caraglio a sostegno di commercianti e piccoli imprenditori

L’accordo siglato prevede lo stanziamento di 10 milioni di euro che
favoriranno la nascita, la crescita e l’innovazione di tante piccole e medie aziende

La stipula della convenzione tra il presidente di Confcommercio Imprese per l’Italia della provincia di Cuneo, Luca Chiapella, e il presidente della Banca di Caraglio, Livio Tomatis

Giovedì 16 gennaio presso la Cittadella della Banca di Caraglio, in piazza della Cooperazione, è stato firmato l’accordo tra l’istituto di credito cooperativo caragliese, la Confcommercio Imprese per l’Italia della provincia di Cuneo e la Ascomfidi Nord-Ovest in virtù del quale la Banca di Caraglio stanzierà un plafond di 10 milioni di euro che nel corso dell’anno 2020 verranno destinati ai soci commercianti della banca e dell’associazione di categoria al fine di favorire la nascita di nuove piccole e medie imprese e di sostenere e supportare le aziende esistenti nel loro percorso di crescita e consolidamento. Alla firma erano presenti il presidente della Banca di Caraglio, Livio Tomatis, e il presidente di Confcommercio Imprese per l’Italia della provincia di Cuneo, Luca Chiapella.

La convenzione prevede l’assegnazione di un plafond di 10 milioni di euro (il doppio rispetto ai 5 milioni dell’accordo precedente) da destinare nel 2020 alle aziende clienti o soci della Banca e del sistema Confcommercio della provincia di Cuneo o del Confidi finalizzato al rilascio di finanziamenti per inizio attività, acquisto attrezzature e arredi, acquisto impianti e macchinari, ristrutturazione locali, acquisto azienda o ramo d’azienda, assunzione e formazione di personale, acquisto scorte e sostegno alla liquidità. L’accordo prevede finanziamenti della durata massima di 7 anni a condizioni economiche agevolate con la garanzia della Confcommercio fino al 50% dell’importo finanziato.

“Quello dei commercianti e delle piccole/medie imprese è uno dei pilastri sui quali storicamente si basa l’attività del nostro istituto bancario – dichiara Livio Tomatis, Presidente della Banca di Caraglio–. Per questo motivo, non solo abbiamo convintamente deciso di proseguire nella nostra opera in loro sostegno, ma abbiamo anche provveduto ad aumentare ulteriormente il nostro impegno raddoppiando la cifra messa a disposizione dei piccoli imprenditori. Siamo dunque molto orgogliosi del fatto che, anche grazie al nostro contributo, molte aziende potranno nascere, crescere ed innovarsi”.

“L’accordo rinnova una collaborazione di lungo corso, ma ha in sé elementi nuovi e molto importanti – dichiara Luca Chiapella, Vice Presidente Ascomfidi Nord-Ovest e Presidente Confcommercio Imprese per l’Italia della provincia di Cuneo –. La conferma, ancora una volta, della nostra volontà di stringere alleanze con i più importanti e radicati Istituti di Credito piemontesi per venire incontro alle esigenze delle Micro, Piccole e Medie Imprese soprattutto in una fase di stagnazione economica e di difficoltà d’accesso al credito come quella che il nostro Paese e la nostra Regione stanno ancora attraversando. La Banca di Caraglio e Ascomfidi Nord-Ovest hanno aumentato la loro reciproca attività grazie alla sottoscrizione di questa nuova Convenzione a seguito dell’accordo quadro stipulato con Cassa Centrale Banca – l’istituto di categoria che raggruppa gran parte delle Banche di Credito Cooperativo del Nord Italia – che amplia l’efficacia delle garanzie prestate dai Consorzi Fidi in virtù della recente riforma del Fondo Centrale di Garanzia. In particolare per gli importi di finanziamento sino a 35.000 euro garantiti dai Confidi accreditati al Fondo Centrale di Garanzia sarà possibile richiedere una garanzia sino all’80% dell’ammontare richiesto contribuendo così ad erogare più facilmente credito alle Imprese di dimensione più piccole. Ascomfidi Nord-Ovest è un Confidi vigilato ed è cresciuto molto grazie anche alle recenti fusioni (il Confidi ha assorbito di recente Ascomfidi Langhe e Roero e Ascomfidi Vercelli) ed opera ormai su tutto il territorio piemontese, in parte della Lombardia e della Liguria ma ha sempre come obiettivo ben chiaro il servizio e il sostegno alle micro, piccole e medie imprese del territorio con le quali opera assistendole anche con i servizi che ne facilitano l’accesso al credito. Siamo confidenti – conclude Chiapella – che quest’ulteriore accordo consentirà alle Imprese socie di beneficiare della nostra attenzione alle loro necessità grazie alla valenza della nostra garanzia e delle competenze che mettiamo in campo a loro disposizione”.

Archivio immagini di Banca di Caraglio