Written by Confagricoltura Cuneo

PSR, “Non arretriamo sulle nostre richieste, dalla Regione per ora solo promesse”

“Continuiamo a essere vigili e a non arretrare di un centimetro circa le nostre richieste alla Regione sul Psr, ossia: negoziazione con Bruxelles per riallocare le risorse del Piano di Sviluppo Rurale e far accedere a finanziamento tutte le domande di insediamento giovani e miglioramento aziendale presentate, ulteriore scorrimento delle graduatorie dei bandi sul miglioramento aziendale, linee guida chiare e univoche per tutte le province nella presa in carico e gestione delle domande e una maggior collaborazione con le imprese agricole, usando ‘l’istanza di rigetto’ solo in casi particolari”. Il presidente di Confagricoltura Cuneo, Enrico Allasia, a distanza ormai di oltre venti giorni dalla manifestazione di protesta a Torino, davanti al palazzo della Regione, ribadisce l’impegno dell’associazione affinché i molti problemi irrisolti del Piano di Sviluppo Rurale del Piemonte vengano affrontati in modo costruttivo per lo sviluppo del settore.
“Purtroppo ad oggi abbiamo ricevuto solo molte rassicurazioni, promesse e parole, ma di fatti concreti neppure l’ombra e la situazione non è migliorata – prosegue Allasia –. La Regione Piemonte può e deve osare di più, altrimenti di questo passo saremo costretti ad altre azioni e iniziative per tutelare gli interessi non solo dei nostri associati, ma di tutto il settore che da questo Piano attualmente non ha avuto alcun vantaggio in termini di sviluppo e prospettiva”.
La richiesta dell’associazione non è di aumentare il plafond totale, ma di rimodularlo sulle misure che interessano di più le aziende, come la misura che riconosce un’indennità al primo insediamento dei giovani agricoltori e quella sul riammodernamento e rinnovamento delle strutture. Ne hanno fortemente bisogno infatti le circa 50mila imprese agricole piemontesi (il 30% sono in provincia di Cuneo) che necessitano soprattutto di rassicurazioni per il ricambio generazionale, adesso fermo al palo.
 

Archivio immagini di Confagricoltura Cuneo

Written by Confagricoltura Cuneo

PSR, “Non arretriamo sulle nostre richieste, dalla Regione per ora solo promesse”

“Continuiamo a essere vigili e a non arretrare di un centimetro circa le nostre richieste alla Regione sul Psr, ossia: negoziazione con Bruxelles per riallocare le risorse del Piano di Sviluppo Rurale e far accedere a finanziamento tutte le domande di insediamento giovani e miglioramento aziendale presentate, ulteriore scorrimento delle graduatorie dei bandi sul miglioramento aziendale, linee guida chiare e univoche per tutte le province nella presa in carico e gestione delle domande e una maggior collaborazione con le imprese agricole, usando ‘l’istanza di rigetto’ solo in casi particolari”. Il presidente di Confagricoltura Cuneo, Enrico Allasia, a distanza ormai di oltre venti giorni dalla manifestazione di protesta a Torino, davanti al palazzo della Regione, ribadisce l’impegno dell’associazione affinché i molti problemi irrisolti del Piano di Sviluppo Rurale del Piemonte vengano affrontati in modo costruttivo per lo sviluppo del settore.
“Purtroppo ad oggi abbiamo ricevuto solo molte rassicurazioni, promesse e parole, ma di fatti concreti neppure l’ombra e la situazione non è migliorata – prosegue Allasia –. La Regione Piemonte può e deve osare di più, altrimenti di questo passo saremo costretti ad altre azioni e iniziative per tutelare gli interessi non solo dei nostri associati, ma di tutto il settore che da questo Piano attualmente non ha avuto alcun vantaggio in termini di sviluppo e prospettiva”.
La richiesta dell’associazione non è di aumentare il plafond totale, ma di rimodularlo sulle misure che interessano di più le aziende, come la misura che riconosce un’indennità al primo insediamento dei giovani agricoltori e quella sul riammodernamento e rinnovamento delle strutture. Ne hanno fortemente bisogno infatti le circa 50mila imprese agricole piemontesi (il 30% sono in provincia di Cuneo) che necessitano soprattutto di rassicurazioni per il ricambio generazionale, adesso fermo al palo.
 

Archivio immagini di Confagricoltura Cuneo