Written by Papa Giovanni XXIII

Testimonianze di ‘riscatto al femminile’ nella terza Cena di Solidarietà a Fossano

Venerdì 25 novembre a Fossano presso il centro diurno Santa Chiara (via Villafalletto, 24), a partire dalle 19.45, si svolgerà la terza edizione della Cena di Solidarietà organizzata dalla Comunità Papa Giovanni XXIII. In occasione della giornata internazionale contro la violenza sulle donne, l’obiettivo è di sensibilizzare i partecipanti a un fenomeno tristemente diffuso purtroppo nella nostra civiltà e nel nostro tempo. Durante la serata si alterneranno testimonianze legate ai diversi fronti di impegno sociale della Comunità e alcuni canti “live”. Buona parte dei prodotti serviti a tavola arrivano dalle Cooperative agricole della Comunità della zona. Il costo della cena è di 25 euro, i fondi raccolti andranno a finanziare una struttura di accoglienza che da anni offre sostegno a molte donne in difficoltà. Per iscrizioni o informazione telefonare al numero 349-3294321.
“Molte donne vittime di violenza sono sostenute in vari modi dalla Comunità Papa Giovanni, tra queste le donne vittime della tratta – afferma il responsabile generale Paolo Ramonda -. Nel solo territorio cuneese, dove operano delle unità di strada, ne sono già state accolte nel 2016 quasi 30. L’età media di queste donne continua ad abbassarsi e molte di loro sono minorenni. A livello internazionale si fa strada la consapevolezza che il fenomeno della tratta può essere efficacemente combattuto punendo il cliente complice della riduzione in schiavitù e dello sfruttamento. L’esperienza di Svezia, Finlandia, Norvegia, Islanda, Irlanda del Nord dimostrano che questo sistema è efficace – continua Ramonda -. Anche la Francia nel mese di aprile ha emanato la nuova legge contro la prostituzione che punisce il cliente. Invitiamo singoli, enti locali ed associazioni a promuovere la campagna per la liberazione delle donne vittime della tratta ‘Questo è il mio corpo’ di cui la Comunità si è fatta promotrice”.
 

Archivio immagini di Papa Giovanni XXIII

Written by Papa Giovanni XXIII

Testimonianze di ‘riscatto al femminile’ nella terza Cena di Solidarietà a Fossano

Venerdì 25 novembre a Fossano presso il centro diurno Santa Chiara (via Villafalletto, 24), a partire dalle 19.45, si svolgerà la terza edizione della Cena di Solidarietà organizzata dalla Comunità Papa Giovanni XXIII. In occasione della giornata internazionale contro la violenza sulle donne, l’obiettivo è di sensibilizzare i partecipanti a un fenomeno tristemente diffuso purtroppo nella nostra civiltà e nel nostro tempo. Durante la serata si alterneranno testimonianze legate ai diversi fronti di impegno sociale della Comunità e alcuni canti “live”. Buona parte dei prodotti serviti a tavola arrivano dalle Cooperative agricole della Comunità della zona. Il costo della cena è di 25 euro, i fondi raccolti andranno a finanziare una struttura di accoglienza che da anni offre sostegno a molte donne in difficoltà. Per iscrizioni o informazione telefonare al numero 349-3294321.
“Molte donne vittime di violenza sono sostenute in vari modi dalla Comunità Papa Giovanni, tra queste le donne vittime della tratta – afferma il responsabile generale Paolo Ramonda -. Nel solo territorio cuneese, dove operano delle unità di strada, ne sono già state accolte nel 2016 quasi 30. L’età media di queste donne continua ad abbassarsi e molte di loro sono minorenni. A livello internazionale si fa strada la consapevolezza che il fenomeno della tratta può essere efficacemente combattuto punendo il cliente complice della riduzione in schiavitù e dello sfruttamento. L’esperienza di Svezia, Finlandia, Norvegia, Islanda, Irlanda del Nord dimostrano che questo sistema è efficace – continua Ramonda -. Anche la Francia nel mese di aprile ha emanato la nuova legge contro la prostituzione che punisce il cliente. Invitiamo singoli, enti locali ed associazioni a promuovere la campagna per la liberazione delle donne vittime della tratta ‘Questo è il mio corpo’ di cui la Comunità si è fatta promotrice”.
 

Archivio immagini di Papa Giovanni XXIII