Written by ASTRA

Astra Cuneo stima in almeno 2milioni e 250mila euro annui il ristoro chiesto per gli autotrasportatori costretti a tracciati alternativi alla Valle Roja

Il presidente Diego Pasero: “Pur essendo diverse le cause e minori le proporzioni, abbiamo invitato il ministro De Micheli a replicare quanto fatto in occasione del crollo del ponte di Genova”

I due percorsi alternativi alla SS 20 che sono costretti a fare gli autotrasportatori per raggiungere Ventimiglia partendo da Cuneo

Dalle intenzioni ai fatti. Astra trasportatori associati, che solo qualche settimana fa aveva manifestato la necessità di riprogettare profondamente l’intera viabilità che collega la provincia di Cuneo a quella di Imperia e alla Costa Azzurra, passando per la Valle Roja ora impraticabile in seguito al devastante alluvione del 2 ottobre scorso, si è fatta portavoce delle istanze delle aziende di autotrasporto invitando la ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti, Paola De Micheli, a prevedere una forma di ristoro per le imprese costrette a compiere tragitti maggiori di circa 100 chilometri tutti o in buona parte autostradali, con aggravi finanziari importanti.

“Pur essendo di proporzioni minori, si tratta della stessa condizione che si è verificata con il crollo del ponte Morandi a Genova e in quel caso il Governo ha previsto per Decreto degli stanziamenti a favore degli autotrasportatori per consentire il ristoro delle maggiori spese affrontate, dovendo percorrere obbligatoriamente strade alternative – sottolinea il presidente di Astra Cuneo, Diego Pasero -. È certamente diversa la causa dell’evento che ha sconvolto le valli Vermenagna e Roja, ma le conseguenze per le imprese sono le medesime con un notevole allungamento dei percorsi per raggiungere i luoghi di carico e scarico. Oltretutto è da tener presente che sono già tre anni che gli autotrasportatori italiani sopportano maggiori costi, dal momento che la francese RD6204, ora chiusa al traffico, era già stata interdetta alla circolazione dei mezzi pesanti oltre le 19 tonnellate da parte dei Comuni transalpini della Valle Roja”.

Nel presentare questa precisa richiesta scritta al ministro De Micheli, tramite la Confetra (Confederazione Generale Italiana dei Trasporti e della Logistica), gli uffici di Astra Cuneo hanno anche stimato le risorse che sarebbero necessarie per venire incontro alle imprese: “Abbiamo calcolato che il ristoro non dovrebbe essere inferiore ai 2milioni e 250mila euro annui, stimando in 300 le missioni di viaggio giornaliere, sviluppate su 250 giorni lavorativi con una cifra di ristoro pari a 30 euro per viaggio – continua Pasero -. Soprattutto in questa fase non si possono lasciare le imprese sole ad affrontare ulteriori problemi, in aggiunta a quelli causati dall’emergenza sanitaria in atto. Una forma di ristoro sul modello di quanto è stato fatto per Genova è necessaria fino a quando non potrà essere ripristinata la normale circolazione”.

In queste settimane tanto si sta facendo, su ambo i versanti, per dare il necessario e concreto conforto alle popolazioni colpite dalle intense precipitazioni di inizio ottobre e per sgombrare ciò che resta della strada internazionale dalle macerie portate dalla furia dell’acqua. Per Astra occorre, tuttavia, non perdere tempo anche per ripensare le infrastrutture viarie gravemente danneggiate, mobilitando i governi di entrambi gli stati interessati, Italia e Francia, affinché trovino le risorse necessarie per avviare interventi strutturali che, in ogni caso, dureranno anni.

 

Archivio immagini di ASTRA

Written by ASTRA

Astra Cuneo stima in almeno 2milioni e 250mila euro annui il ristoro chiesto per gli autotrasportatori costretti a tracciati alternativi alla Valle Roja

Il presidente Diego Pasero: “Pur essendo diverse le cause e minori le proporzioni, abbiamo invitato il ministro De Micheli a replicare quanto fatto in occasione del crollo del ponte di Genova”

I due percorsi alternativi alla SS 20 che sono costretti a fare gli autotrasportatori per raggiungere Ventimiglia partendo da Cuneo

Dalle intenzioni ai fatti. Astra trasportatori associati, che solo qualche settimana fa aveva manifestato la necessità di riprogettare profondamente l’intera viabilità che collega la provincia di Cuneo a quella di Imperia e alla Costa Azzurra, passando per la Valle Roja ora impraticabile in seguito al devastante alluvione del 2 ottobre scorso, si è fatta portavoce delle istanze delle aziende di autotrasporto invitando la ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti, Paola De Micheli, a prevedere una forma di ristoro per le imprese costrette a compiere tragitti maggiori di circa 100 chilometri tutti o in buona parte autostradali, con aggravi finanziari importanti.

“Pur essendo di proporzioni minori, si tratta della stessa condizione che si è verificata con il crollo del ponte Morandi a Genova e in quel caso il Governo ha previsto per Decreto degli stanziamenti a favore degli autotrasportatori per consentire il ristoro delle maggiori spese affrontate, dovendo percorrere obbligatoriamente strade alternative – sottolinea il presidente di Astra Cuneo, Diego Pasero -. È certamente diversa la causa dell’evento che ha sconvolto le valli Vermenagna e Roja, ma le conseguenze per le imprese sono le medesime con un notevole allungamento dei percorsi per raggiungere i luoghi di carico e scarico. Oltretutto è da tener presente che sono già tre anni che gli autotrasportatori italiani sopportano maggiori costi, dal momento che la francese RD6204, ora chiusa al traffico, era già stata interdetta alla circolazione dei mezzi pesanti oltre le 19 tonnellate da parte dei Comuni transalpini della Valle Roja”.

Nel presentare questa precisa richiesta scritta al ministro De Micheli, tramite la Confetra (Confederazione Generale Italiana dei Trasporti e della Logistica), gli uffici di Astra Cuneo hanno anche stimato le risorse che sarebbero necessarie per venire incontro alle imprese: “Abbiamo calcolato che il ristoro non dovrebbe essere inferiore ai 2milioni e 250mila euro annui, stimando in 300 le missioni di viaggio giornaliere, sviluppate su 250 giorni lavorativi con una cifra di ristoro pari a 30 euro per viaggio – continua Pasero -. Soprattutto in questa fase non si possono lasciare le imprese sole ad affrontare ulteriori problemi, in aggiunta a quelli causati dall’emergenza sanitaria in atto. Una forma di ristoro sul modello di quanto è stato fatto per Genova è necessaria fino a quando non potrà essere ripristinata la normale circolazione”.

In queste settimane tanto si sta facendo, su ambo i versanti, per dare il necessario e concreto conforto alle popolazioni colpite dalle intense precipitazioni di inizio ottobre e per sgombrare ciò che resta della strada internazionale dalle macerie portate dalla furia dell’acqua. Per Astra occorre, tuttavia, non perdere tempo anche per ripensare le infrastrutture viarie gravemente danneggiate, mobilitando i governi di entrambi gli stati interessati, Italia e Francia, affinché trovino le risorse necessarie per avviare interventi strutturali che, in ogni caso, dureranno anni.

 

Archivio immagini di ASTRA