Written by Fondazione Bertoni

L’edizione 2021 del “Carnevale Indoor più grande del mondo” occasione di festa per le famiglie

Venerdì 12 febbraio scadono i termini per inviare foto e video delle proprie case trasformate in carri allegorici. Maggiori informazioni su www.carnevaleindoor.it

Carnevale Saluzzo

Uno dei carri realizzati per l’edizione 2020 del Carnevale Città Saluzzo

Sale l’attesa in vista del 93° Carnevale Città Saluzzo organizzato dalla Fondazione Amleto Bertoni. Nelle case e nei luoghi più segreti si lavora duramente all’insegna del motto “fantasia al potere” per offrire uno spettacolo degno di quello che sulla rete è già considerato il “Carnevale Indoor più grande del mondo”. Saranno le famiglie, singoli amici, congiunti e i simpatizzanti dal Carnevale, tutti accomunati dalla voglia di far festa, i veri protagonisti di questa edizione online: per prendere parte all’evento occorre inviare entro e non oltre venerdì 12 febbraio almeno una foto che illustri come sono stati trasformati gli ambienti di casa nel carro dei propri sogni. I dettagli sulle modalità di partecipazione con tutte le informazioni utili sono pubblicate sul sito www.carnevaleindoor.it alla voce “amanti del Carnevale”. Intanto, i carristi sono all’opera per realizzare il carro più bello, al quale sarà assegnato come da tradizione il trofeo del Carnevale delle due province, la coppa del carnevale. Gli oratori invece, che si stanno cimentando nel realizzare un carro sul tema “Il territorio con i propri frutti”, concorreranno all’assegnazione del premio previsto dal concorso “Quarto Carnevale degli Oratori della Diocesi di Saluzzo”. Prosegue anche il concorso “Coriandoli di frutta” per le scuole primarie e dell’infanzia, chiamate a produrre e spedire agli organizzatori le loro composizioni sul tema “Il Sogno”.  In palio buoni spendibili in materiale scolastico e sani spuntini per tutti gli alunni partecipanti.

Ribaltare la realtà con la fantasia e travestirsi da ciò che non si è. Lo spirito del Carnevale non è soltanto goliardia e leggerezza: è l’occasione, una volta l’anno, di esorcizzare le nostre paure, di ritrovarsi comunità in una festa popolare a cui tutti possono partecipare – dichiara Mauro Calderoni, sindaco Città di Saluzzo -. L’ultimo bagno di folla che la Città di Saluzzo ha vissuto nel 2020, prima che la pandemia travolgesse il nostro quotidiano, è stato proprio la sfilata dei carri di Carnevale. A un anno di distanza, di fronte a un paesaggio umano e urbano per forza di cose trasformato, il Carnevale ritorna declinato in una formula nuova, nel rispetto delle regole di distanziamento che l’emergenza Covid impone. Come per ogni evento succedutosi nei mesi scorsi, la Fondazione Amleto Bertoni ha saputo elaborare un’alternativa in grado di salvaguardare un evento popolare amato dai saluzzesi, con efficienza e sicurezza organizzativa. Ognuno, dalla propria casa, potrà vivere il proprio Carnevale e al tempo stesso condividerlo con la città. Non rinunciamo a stare insieme, nonostante la distanza”.

“In seguito alla doverosa decisione di annullare il Carnevale delle due Province ed in particolare le sfilate dei carri allegorici abbiamo lavorato sodo per trovare il modo di far sì che Saluzzo potesse avere il suo Carnevale, seppur in una modalità nuova – aggiunge Carlotta Giordano, presidente Fondazione Amleto Bertoni -. La Fondazione Amleto Bertoni proverà per quest’anno ad entrare nelle case dei saluzzesi, e non solo, attraverso il web, cercando di portare l’allegria e la spensieratezza tipiche di questo periodo di baldoria e che oggi credo siano indispensabili per farci sentire tutti un po’ meno soli. Ai saluzzesi spetterà il compito di aprire le porte delle loro case per farsi coinvolgere in questo Carnevale inedito che potrà diventare un momento di festa per la nostra comunità”.

Carnevale è sinonimo di allegria, soprattutto per le famiglie. L’idea degli organizzatori è di portare la festa in una stanza della casa, di fare una scenografia, vestirsi, divertirsi e scattare una foto, usando il più possibile materiali di recupero, fantasia e gioia. Ogni nucleo familiare, dopo essersi iscritto, sarà tenuto ad inviare una foto del proprio Carnevale indoor in formato “jpg” o “png” di peso inferiore a 2Mb. Le immagini saranno pubblicate on line tutte entro le ore 10 del 13 febbraio e potranno essere votate sino alle ore 12 del 14 febbraio. Tutti i partecipanti concorreranno per l’assegnazione dei premi, consistenti in pacchi con prodotti del territorio, divisi a seconda della categoria: premio “Città di Saluzzo”, assegnato al più votato della categoria “Ho casa a Saluzzo e dintorni”; premio “Città di Rivoli”, assegnato al più votato della categoria “Ho casa a Rivoli”; premio “Carnevale delle Due Province” per il migliore assoluto, assegnato al più votato tra tutti i partecipanti al concorso. È previsto un premio speciale per la categoria “Saluzzesi nel mondo”. A valutare le immagini sarà una giuria popolare che si esprimerà con un “like” sulle pagine FB della Fondazione Amleto Bertoni e della Città di Rivoli.

Archivio immagini di Fondazione Bertoni

Written by Fondazione Bertoni

L’edizione 2021 del “Carnevale Indoor più grande del mondo” occasione di festa per le famiglie

Venerdì 12 febbraio scadono i termini per inviare foto e video delle proprie case trasformate in carri allegorici. Maggiori informazioni su www.carnevaleindoor.it

Carnevale Saluzzo

Uno dei carri realizzati per l’edizione 2020 del Carnevale Città Saluzzo

Sale l’attesa in vista del 93° Carnevale Città Saluzzo organizzato dalla Fondazione Amleto Bertoni. Nelle case e nei luoghi più segreti si lavora duramente all’insegna del motto “fantasia al potere” per offrire uno spettacolo degno di quello che sulla rete è già considerato il “Carnevale Indoor più grande del mondo”. Saranno le famiglie, singoli amici, congiunti e i simpatizzanti dal Carnevale, tutti accomunati dalla voglia di far festa, i veri protagonisti di questa edizione online: per prendere parte all’evento occorre inviare entro e non oltre venerdì 12 febbraio almeno una foto che illustri come sono stati trasformati gli ambienti di casa nel carro dei propri sogni. I dettagli sulle modalità di partecipazione con tutte le informazioni utili sono pubblicate sul sito www.carnevaleindoor.it alla voce “amanti del Carnevale”. Intanto, i carristi sono all’opera per realizzare il carro più bello, al quale sarà assegnato come da tradizione il trofeo del Carnevale delle due province, la coppa del carnevale. Gli oratori invece, che si stanno cimentando nel realizzare un carro sul tema “Il territorio con i propri frutti”, concorreranno all’assegnazione del premio previsto dal concorso “Quarto Carnevale degli Oratori della Diocesi di Saluzzo”. Prosegue anche il concorso “Coriandoli di frutta” per le scuole primarie e dell’infanzia, chiamate a produrre e spedire agli organizzatori le loro composizioni sul tema “Il Sogno”.  In palio buoni spendibili in materiale scolastico e sani spuntini per tutti gli alunni partecipanti.

Ribaltare la realtà con la fantasia e travestirsi da ciò che non si è. Lo spirito del Carnevale non è soltanto goliardia e leggerezza: è l’occasione, una volta l’anno, di esorcizzare le nostre paure, di ritrovarsi comunità in una festa popolare a cui tutti possono partecipare – dichiara Mauro Calderoni, sindaco Città di Saluzzo -. L’ultimo bagno di folla che la Città di Saluzzo ha vissuto nel 2020, prima che la pandemia travolgesse il nostro quotidiano, è stato proprio la sfilata dei carri di Carnevale. A un anno di distanza, di fronte a un paesaggio umano e urbano per forza di cose trasformato, il Carnevale ritorna declinato in una formula nuova, nel rispetto delle regole di distanziamento che l’emergenza Covid impone. Come per ogni evento succedutosi nei mesi scorsi, la Fondazione Amleto Bertoni ha saputo elaborare un’alternativa in grado di salvaguardare un evento popolare amato dai saluzzesi, con efficienza e sicurezza organizzativa. Ognuno, dalla propria casa, potrà vivere il proprio Carnevale e al tempo stesso condividerlo con la città. Non rinunciamo a stare insieme, nonostante la distanza”.

“In seguito alla doverosa decisione di annullare il Carnevale delle due Province ed in particolare le sfilate dei carri allegorici abbiamo lavorato sodo per trovare il modo di far sì che Saluzzo potesse avere il suo Carnevale, seppur in una modalità nuova – aggiunge Carlotta Giordano, presidente Fondazione Amleto Bertoni -. La Fondazione Amleto Bertoni proverà per quest’anno ad entrare nelle case dei saluzzesi, e non solo, attraverso il web, cercando di portare l’allegria e la spensieratezza tipiche di questo periodo di baldoria e che oggi credo siano indispensabili per farci sentire tutti un po’ meno soli. Ai saluzzesi spetterà il compito di aprire le porte delle loro case per farsi coinvolgere in questo Carnevale inedito che potrà diventare un momento di festa per la nostra comunità”.

Carnevale è sinonimo di allegria, soprattutto per le famiglie. L’idea degli organizzatori è di portare la festa in una stanza della casa, di fare una scenografia, vestirsi, divertirsi e scattare una foto, usando il più possibile materiali di recupero, fantasia e gioia. Ogni nucleo familiare, dopo essersi iscritto, sarà tenuto ad inviare una foto del proprio Carnevale indoor in formato “jpg” o “png” di peso inferiore a 2Mb. Le immagini saranno pubblicate on line tutte entro le ore 10 del 13 febbraio e potranno essere votate sino alle ore 12 del 14 febbraio. Tutti i partecipanti concorreranno per l’assegnazione dei premi, consistenti in pacchi con prodotti del territorio, divisi a seconda della categoria: premio “Città di Saluzzo”, assegnato al più votato della categoria “Ho casa a Saluzzo e dintorni”; premio “Città di Rivoli”, assegnato al più votato della categoria “Ho casa a Rivoli”; premio “Carnevale delle Due Province” per il migliore assoluto, assegnato al più votato tra tutti i partecipanti al concorso. È previsto un premio speciale per la categoria “Saluzzesi nel mondo”. A valutare le immagini sarà una giuria popolare che si esprimerà con un “like” sulle pagine FB della Fondazione Amleto Bertoni e della Città di Rivoli.

Archivio immagini di Fondazione Bertoni